MotoGp Italia 2022, Bastianini fa sognare i tifosi

MotoGp Italia 2022 pronostici, Bastianini fa sognare i tifosi, Bagnaia cerca il riscatto dopo la caduta di Le Mans ed è il favorito per la vittoria

MotoGp Mugello 2021 – La MotoGp arriva sul circuito toscano per l’appuntamento più sentito dei tifosi italiani al Mugello e la terza vittoria stagionale di Bastianini ha acceso l’entusiasmo intorno al pilota azzurro che davanti al pubblico di casa ha l’occasione di accorciare ulteriormente su Quartararo in una classifica che non ha ancora trovato un padrone. Vediamo quote e piloti favoriti.

Il tracciato

A Scarperia, di proprietà della Ferrari, è senza dubbio il tracciato italiano più tecnico e completo tanto che spesso si è parlato di ospitare una gara di F1 e spesso è stato votato come migliore circuito del motomondiale. Fu costruito nel 1982 e acquistato dal cavallino nel 1998. E’ stata proprio la Ferrari ad aggiornarlo nelle infrastrutture e trasformarlo in un impianto moderno e adatto a ospitare gare di varie competizioni motoristiche. E’ lungo 5245 metri con 15 curve e il rettilineo iniziale, lungo quasi 1 km in salita, è teatro principale dei sorpassi. San Donato, Luco e Poggio Secco sono rapide destra, sinistra, destra per andare in una parte centrale veloce intervallata da due S prima di raggiungere le due curve dell’Arrabbiata nelle quali si piega a destra prima di immettersi nell’ultima parte del tracciato, la più lenta e guidata con l’ampio tornante del Correntaio e la curva a sinstra delle Bucine che riporta sul rettilineo dei box. E’ uno dei circuiti preferiti dei piloti per l’ampia varietà di situazioni che presenta, velocità di punta, accelerazione, guida pura.

Albo d’oro

Il gran premio d’Italia si corre dal 1949 e inizialmente veniva ospitato a Monza, dal 1974 iniziò a essere una gara itinerante ospitata a Imola, Misano e per la prima volta al Mugello nel 1976. Dal 1994 il circuito toscano è diventato tappa fissa e dal 2010 in avanti è diventato un feudo spagnolo. Soltanto piloti iberici sul gradino più alto del podio con Jorge Lorenzo mattatore e vincitore di sei edizioni in sette anni, dal 2011 al 2013 e nel 2015, 2016 e 2018, intervallate dalla vittoria di Marquez nel 2014. Una striscia interrotta nel 2017 dalla spettacolare vittoria di Dovizioso che ha interrotto un digiuno italiano che durava dal 2008 con la vittoria di Valentino Rossi e poi nel 2019 da Petrucci ancora dalla Ducati. Nel 2020 la gara non si è disputata e nel 2021 successo di Quartararo con la Yamaha. Il dottore è il pilota che ha vinto più spesso al Mugello, nove affermazioni se consideriamo anche quelle del 1997 in 125 e del 1999 in 250 e le sette consecutive dal 2002 al 2008 su Honda e Yamaha.

I protagonisti

La rimonta di Bagnaia, ancora più che dal punto di vista tecnico, potrebbe essersi infranta emotivamente nella caduta a Le Mans in una gara in cui non accontentarsi di un probabile secondo posto dopo essere stato sorpassato da Bastianini potrebbe essergli costato il mondiale. E’ lecito domandarsi se il pilota azzurro sul quale affidare le speranze di titolo non sia invece l’uomo del team Gresini, l’unico ad avere vinto tre gare in questo inizio di stagione e che sta dimostrando una maturità nel gestire i vari scenari di gara che potrebbe renderlo un antagonista credibile di Quartararo, finito quarto davanti ai propri tifosi e ancora una volta capace di dare uno sguardo alla classifica, esattamente come il solidissimo Espargaro che con l’Aprilia è abbonato al terzo gradino del podio e nello sfruttare il potenziale della moto ricorda il Mir che nel 2020 vinse il titolo con la Suzuki. In Francia sul podio c’è andato anche Jack Miller con l’altra Ducati ufficiale e il suo nome è accostato alla Ktm per la prossima stagione, ma per rimanere all’attualità di questo mondiale la lotta per il titolo sembra ristretta al momento a Quartararo, Bastianini e Espargaro divisi da otto punti in classifica visto che Marquez non ha mai trovato il feeling con la Honda finendo al sesto posto e da Vinales e Morbidelli non sono arrivati segnali confortanti, così come dalle Suzuki che sembrano essere state spazzate via dalle posizioni di vertice dopo l’annuncio dell’abbandono a fine stagione. Al Mugello ci saranno otto Ducati alla partenza e due italiani che fanno sognare i tifosi, possibile che il vincitore esca dal terzetto composto da Quartararo, Bagnaia e Bastianini, ma se il campione del mondo incontrasse delle difficoltà e con poche certezze per quanto riguarda gli azzurri in una gara emotivamente molto sentita, l’ipotesi di spendere un gettone su Espargararo con un’Aprilia che potrebbe avere trovato nuovi cavalli dall’aggiornamento del motore non è campata in aria e ha quote particolarmente appetibili con una vittoria della casa di Noale che terrebbe alto il nome del tricolore nella gara di casa.

 

MotoGp Italia 2022 quote

Le quote sono relative alle 12:45 del 26.5.2022 e potrebbero subire variazioni, controllare sempre il book di riferimento.

Snai Lottomatica
Bagnaia 3.00 2.50
Quartararo 4.00 5.00
Bastianini 4.50 5.00
Martin 7.50 8.00
Miller 12.00 12.00
A. Espargaro 12.00 12.00
M. Marquez 12.00 12.00
Zarco 15.00 15.00
Mir 25.00 25.00
Rins 25.00 25.00