Giro d’Italia 2020, Geraint Thomas e Simon Yates favoriti per la vittoria

Giro d'Italia 2020, nell'inedita cornice autunnale si parte dalla Sicilia, rispettata gran parte del percorso originale

Giro d’Italia 2020 – L’edizione 2020, oltre a svolgersi nell’inedita cornice autunnale di ottobre, ha visto modificare il proprio percorso, non si partirà più dall’Ungheria ma dalla Sicilia e sarà un’edizione che più di ogni altra potrebbe riservare sorprese.

Il percorso

Il Giro 2020, edizione numero 103, si correrà dal 3 al 25 maggio e si svilupperà su 3496 km. In totale saranno 4500 i metri di dislivello, con tre cronometro, sei arrivi riservati ai velocisti, sette arrivi in salita e sei di alta montaga. Sarà lo Stelvio la Cima Coppi di questa edizione che prevede anche le salite dell’Etna, del Colle dell’Agnello e dell’Izoard.

Albo d’oro

Vincitori stranieri nel 2012 con Ryder Hesjedal, prima volta per un canadese, nel 2014 con Nairo Quintana, nel 2015 con Alberto Contador, nel 2017 con Tom Dumoulin, nel 2018 con la straordinaria impresa di Chris Froome e nel 2019 con Richard Carapaz che ha dato per la prima volta la maglia rosa a un corridore ecuadoriano. Le firme italiane nell’ultimo decennio sono firmate Vincenzo Nibali nel 2013 e nel 2016. Dal 1997 al 2007 fu monologo tricolore con due vittorie di Ivan Gotti, quella storica di Marco Pantani nel 1998, tre di Gilberto Simoni, due di Paolo Savoldelli, un successo per Damiano Cunego, Ivan Basso e Danilo Di Luca. La doppietta manca dal 1992-93 quando si impose per due volte di seguito Miguel Indurain. Il maggiore numero di edizioni vinte, cinque, è proprietà di un tris di nomi leggendari nella storia del ciclismo, Alfredo Binda, Fausto Coppi e Eddy Merckx. Se Coppi rimane il vincitore più giovane della storia, vinse a 20 anni, 8 mesi e 25 giorni nell’edizione del 1940, Binda e Merckx sono gli unici che possono vantare tre vittorie consecutive. Merckx e Binda, insieme a Gianni Bugno e Costante Girardengo, sono anche gli unici nella storia ad avere vinto un Giro mantenendo la maglia rosa dalla prima all’ultima tappa. Gino Bartali è l’uomo che più spesso ha vinto la classifica degli scalatori con sette affermazioni. Una doppietta non si vede dal 1992-93 con Miguel Indurain.

Giro d’Italia 2020 – Le tappe

3 ottobre 2020 – Tappa 1: Monreale-Palermo 15 km (cronometro)
Crono relativamente breve con inizio in discesa e poi pianura.

4 ottobre 2020 – Tappa 2: Alcamo-Agrigento 150 km
Tappa dedicata ai velocisti.

5 ottobre 2020 – Tappa 3: Enna-Etna 150 km
Prima frazione mossa con gli ultimi km dedicati alla salita sull’Etna per il primo arrivo in quota.

6 ottobre 2020 – Tappa 4: Catania-Villafranca Tirrena 140 km
Una sola salita esattamente a metà della tappa a Portella Mandrazzi, percorso adatto alle fughe.

7 ottobre 2020 – Tappa 5: Enna – Mileto-Camigliatello Silano 225 km
Una delle tappe più lunghe di questa edizione, movimentata e con l’arrivo a Camigliatello dopo la salita al Valico di Montescuro.

8 ottobre 2020 – Tappa 6: Catania – Castrovillari-Matera 188 km
Frazione non particolarmente impegnativa con arrivo adatto ai velocisti.

9 ottobre 2020 – Tappa 7: Matera-Brindisi 143 km
Altra tappa per velocisti.

10 ottobre 2020 – Tappa 8: Giovinazzo-Vieste 200 km
Prima parte piatta, seconda più movimentata per un altro possibile arrivo in volata.

11 ottobre 2020 – Tappa 9: San Salvo-Roccaraso 208 km
Tappa insidiosa che sale progressivamente con tre passi da scalare fino all’arrivo ai 1658 metri di Roccaraso.

13 ottobre 2020 – Tappa 10: Lanciano – Tortoreto Lido 177 km
Tappa praticamente piatta con un finale leggermente ondulato per un possibile arrivo in volata.

14 ottobre 2020 – Tappa 11: Porto Sant’Elpidio – Rimini, 182 km
Sulla riviera romagnola una tappa adatta ai velocisti.

15 ottobre 2020 – Tappa 12: Cesenatico – Cesenatico 204 km
Tappa che ricalca il percorso della Granfondo Nove Colli, dieci salite disseminate lungo il percorso per un’altimetria che ricorda una classica del Nord.

16 ottobre 2020 – Tappa 13: Cervia – Monselice 192 km
Tappa senza difficoltà altimetriche adatta agli sprinter.

17 ottobre 2020 – Tappa 14: Conegliano – Valdobbiadene 34,1 km (cronometro)
La seconda crono è la più lunga delle tre e prevede la salita di Cà del Poggio in un percorso ondulato.

18 ottobre 2020 – Tappa 15: Rivolto – Piancavallo 185 km
Arrivo a Piancavallo dopo avere scalato Sella Chianzutan, Forcella di Monte Rest e Forcella di Palla Barzana in una tappa nella quale gli uomini di classifica si daranno battaglia.

20 ottobre 2020 – Tappa 16: Udine – San Daniele del Friuli, 229 km
Dopo la sosta una tappa dura con le salite di Madonnina del Domm, Monte Spig, Monteaperta e Monte di Ragogna da affrontare tre volte negli ultimi 70 km antipasto di un’ultima settimana in apnea.

21 ottobre 2020 – Tappa 17: Bassano del Grappa – Madonna di Campiglio 203 km
Si superano i 200 km con una tappa in alta montagna nella quale si scaleranno Forcella Valbona, Monte Bondone, Passo Durone e Madonna di Campiglio. Altra tappa nella quale i big potranno fare la differenza.

22 ottobre 2020 – Tappa 18: Pinzolo – Laghi di Cancano 207 km
Partenza in salita verso Campo Carlo Magno, a seguire Hofmandjoch, Stelvio e Laghi di Cancano per 5400 metri di dislivello. Potenzialmente la tappa decisiva del Giro d’Italia 2020.

23 ottobre 2020 – Tappa 19: Morbegno – Asti 251 km
Ultima tappa adatta ai velocisti.

24 ottobre 2020 – Tappa 20: Alba – Sestriere 198 km
L’ultima giornata di montagna prevede Colle dell’Agnello, Izoard, Montgenevre e Sestriere. Se la classifica fosse corta c’è spazio per cambiare la classifica.

25 ottobre 2020 – Tappa 21: Cernusco sul Naviglio – Milano 15,7 km (cronometro)
Come nel 2019 si chiude con una cronometro.

I protagonisti

I nomi visti alla Tirreno-Adriatico sono quelli che presumibilmente si contenderanno la maglia rosa, con Geraint Thomas al momento principale favorito davanti a Simon Yates. Grande attesa per Vincenzo Nibali con il giro che partirà dalla Sicilia e attenzione anche a Steven Kruijswijk e Jacob Fuglsang, con Vlasov e Majka nel ruolo di possibili outsider a cui si potrebbero aggiungere Ivan Ramiro Sosa e Wilco Kelderman. In un Giro inedito la differenza potrebbe farla anche il meteo visto che affrontare le montagne a ottobre inoltrato comporta incognite dal punto di vista dei possibili eventi atmosferici inaspettati come si è visto nell’ultimo fine settimana, con crollo della temperatura e neve a quote intorno a 1600 metri.

Quote Giro d’Italia 2020

Le quote sono relative alle 17:45 del 29.9.2020 e potrebbero essere soggette a variazione, verificare il book di riferimento.

Snai Bet365
G. Thomas 2.50 1.90
S. Yates 4.50 4.00
Kruijswijk 7.50 8.50
Fuglsang 7.50 6.50
Nibali 4.50 8.50
Vlasov 15.00 13.00
Majka 25.00 23.00
Ramiro Sosa 33.00 41.00
Kelderman 33.00 41.00
Altro 7.50 4.00